Ha preso a calci i carabinieri fino a buttarne uno giù dalle scale. Gianluca Grignani è stato arrestato nella notte dai carabinieri di Riccione per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Il cantautore milanese, 42 anni, è in vacanza nella città romagnola con la moglie e i 4 figli da un mese. Ieri sera intorno alle 20.30, la compagna ha chiamato i carabinieri perché Grignani, in preda ad alcol e droga, dava in escandescenza e la situazione stava diventando pericolosa. Quando i militari sono arrivati sul posto, Grignani si è scagliato contro i carabinieri e per questo è stato portato in caserma e arrestato. I militari sono stati medicati in ospedale. Per loro alcuni giorni di prognosi riservata.

A maggio il cantante era salito sul palco di Omar Pedrini, ex cantante dei Timoria, presso la Latteria Molloy di Brescia. Visibilmente ubriaco, non ricordava i testi delle canzoni e, alla fine, è stato allontanato dalla security

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia: la solitudine di Tiberio, imprenditore che osò resistere al pizzo

next
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Incontro Shimon Peres e Abu Mazen non è avvenuto invano”

next