Ha preso a calci i carabinieri fino a buttarne uno giù dalle scale. Gianluca Grignani è stato arrestato nella notte dai carabinieri di Riccione per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Il cantautore milanese, 42 anni, è in vacanza nella città romagnola con la moglie e i 4 figli da un mese. Ieri sera intorno alle 20.30, la compagna ha chiamato i carabinieri perché Grignani, in preda ad alcol e droga, dava in escandescenza e la situazione stava diventando pericolosa. Quando i militari sono arrivati sul posto, Grignani si è scagliato contro i carabinieri e per questo è stato portato in caserma e arrestato. I militari sono stati medicati in ospedale. Per loro alcuni giorni di prognosi riservata.

A maggio il cantante era salito sul palco di Omar Pedrini, ex cantante dei Timoria, presso la Latteria Molloy di Brescia. Visibilmente ubriaco, non ricordava i testi delle canzoni e, alla fine, è stato allontanato dalla security

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia: la solitudine di Tiberio, imprenditore che osò resistere al pizzo

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Incontro Shimon Peres e Abu Mazen non è avvenuto invano”

next