La compagnia petrolifera russa Rosneft entra ufficialmente nel capitale di Pirelli con il 13% delle quote. E il suo presidente, lo “zar del petrolio” Igor Sechinfinito nella lista nera delle personalità sanzionate da Washington come reazione per le mosse russe in Ucraina, fa il suo ingresso nel cda dell’azienda degli pneumatici guidata da Marco Tronchetti Provera. Giovedì, infatti, si è chiuso come da accordi raggiunti in marzo il riassetto di Camfin, la cassaforte che ha il 26,19% del gruppo della Bicocca. I russi ne possiedono ora il 50%, mentre l’altra metà è di una nuova società (newco) partecipata dalla Nuove Partecipazioni di Tronchetti con il 76% e da Intesa Sanpaolo Unicredit, con il 12% ciascuna.

Dopo il closing, i quattro rappresentanti del fondo Clessidra (che esce da Pirelli) e i due di Nuove Partecipazioni si sono dimessi dal cda di Pirelli. Al loro posto sono entrati, oltre a Sechin, il vicepresidente di Rosneft Didier Casimiro e il suo direttore finanziario Petr Lazarev, il presidente di Vtb Bank Andrey Kostin e Igor Soglaev, presidente di Cjcs Novokuibyshevskaya Petrolchemical company.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quote latte, Ue: “Italia recuperi da allevatori 1,4 miliardi di multe”

prev
Articolo Successivo

Portogallo, il Banco Espirito Santo crolla in Borsa e trascina giù listini europei

next