Dall’anonimato più nero al tentativo di lanciarsi come cantante pop: in mezzo una carriera da imprenditore che oggi finisce al centro di un’indagine per bancarotta fraudolenta, emissione di fatture false e truffa aggravata. Sono questi i reati contestati dalla procura di Palermo a Salvo Castagna, l’imprenditore delle telecomunicazioni che è riuscito in breve tempo a portare il suo sconosciuto nome al centro delle cronache nazionali. Nel mirino della Guardia di Finanza è finita la società Italiacom, creata da Castagna nel 2009, sponsorizzata sulle grandi reti nazionali e oggi accusata di truffa ai danni dell’Inps e di parecchi clienti che non hanno mai ricevuto alcun servizio in cambio del pagamento delle bollette.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia, è partita nell’agosto scorso quando le fiamme gialle hanno scoperto 38 lavoratori impiegati nel call center completamente in nero. In realtà i lavoratori impiegati in nero sarebbero almeno 218: Castagna, in pratica, riusciva ad accedere ad agevolazioni Inps che non gli sarebbero spettate. Poi utilizzava i fondi distratti, unitamente al denaro versato dai clienti truffati, per organizzare feste (celebre il lussuosissimo party di compleanno con decine di vip), acquistare automobili (tra cui una Ferrari con targa di San Marino) e immobili: tutti beni oggi sequestrati dalle fiamme gialle, insieme a ventisette conti correnti e diversi orologi Rolex.

Parte del denaro che sarebbe oggetto della maxi truffa (si parla di milioni di euro) sarebbe stato utilizzato dall’imprenditore anche per lanciare la sua sedicente carriera da cantante pop. Il grande pubblico lo conobbe infatti durante l’intervallo della partita Italia – Repubblica Ceca, trasmessa il 12 settembre 2013 su Rai Uno: un costosissimo spot, con tanto di partecipazione di Anna Falchi, per promuovere il brano “Due Bandiere al Vento”, il suo discutibilissimo primo singolo. “Castagna chi?” twittò Fiorello, regalando subito ulteriore gloria al Carneade Castagna, poi invitato alla sua Edicola. “Sono un ingegnere. Mi sono laureato al Massachusetts Institute of Technology di Boston” spiegava lui, durante il suo quarto d’ora di celebrità. Poi ci pensò Striscia la Notizia a chiamare direttamente il Mit per verificare se avesse effettivamente studiato li. “Castagna? Who is he?” risposero oltreoceano, dove evidentemente lo spot di “Due bandiere al vento” non era stato ancora trasmesso.

Twitter: @pipitone87

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Fanella, convalidato fermo per l’aggressore rimasto ferito

next
Articolo Successivo

Vela, Record New York-Lizard Point: meteo instabile, partenza rimandata

next