Aggredita ieri sera sotto casa sua, nel quartiere Pigneto di Roma, l’ex deputato di Rc Vladimir Luxuria non nasconde tutta la sua paura. “Erano inizialmente tre, mi hanno accerchiata, poi sono spuntati da tutti i vicoli anche altri. Mi hanno insultata e poi mi hanno buttato addosso delle bustine di droga dicendomi che se non voglio più vedere gli spacciatori nel quartiere, devo cambiare zona”, racconta. Un vero e proprio attacco intimidatorio, con lo scopo di scoraggiare la battaglia contro lo spaccio di droga e la violenza che Luxuria sta portando avanti nel rione romano. Ma la sua è una lotta solitaria: “Mi sembra di percepire il fallimento dello Stato – rivela – la polizia mi ha fatto chiaramente capire che non può fare niente e che il Pigneto ormai è in mano alla malavita: anche dopo la denuncia hanno continuato a spacciare tranquillamente. Ora sono demoralizzata e sto organizzando la mia vita, ho paura, sanno dove abito”  di Chiara Carbone 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Viterbo, ospedali mai finiti da decenni e l’Asl spende milioni di euro in affitti con i privati

prev
Articolo Successivo

Onda Pride, ma che ci fanno Feltri e Pascale in Arcigay?

next