L’Italia è uscita fuori dal Mondiale, ma i collegamenti di SkySport non si fermano. E, in mancanza di interviste e servizi dedicati agli azzurri, la scena viene tutta dedicata alla spiaggia di Rio, ormai quinta fissa. Così ai giornalisti della tv via satellite non resta che lavorare con orari massacranti, di giorno e notte, e importunare chiunque a Copacabana. Intanto, Fabio Caressa scopre la soluzione ai mali del calcio italiano: gli manca la bomboletta spray. Poi la politica con l’alta tensione in casa 5 Stelle. Dopo la rissa sfiorata a Firenze nella riunione di mercoledì scorso (a scaldare gli animi l’ipotesi di espellere o sospendere per un lungo periodo di tempo alcuni militanti per aver firmato una lettera di critiche al vicepresidente della Camera Luigi Di Maio), è la volta di Padova. Stessa motivazione: candidati dell’ultimo momento che si scontrano con gli attivisti della prima ora. Ci vediamo ‘In edicola’: ogni sera le anticipazioni su ilfattoquotidiano.it (riprese e montaggio Samuele Orini e Paolo Dimalio, elaborazione grafica Pierpaolo Balani). Tutte le offerte di abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Floris continuerà a condurre Ballarò”. Pronta anche una striscia quotidiana

next
Articolo Successivo

Equo compenso ai giornalisti: la liquefazione del mestiere e la protesta in rete

next