Nessun limite. Parola di ‘guerriero’. Dopo avere eliminato la Spagna campione di tutto e avere centrato gli ottavi con una giornata di anticipo, il Cile non vuole smettere di stupire il mondo: “Se continuiamo a giocare così credo che potremo arrivare in finale – dice Arturo Vidal -. Dobbiamo continuare a lavorare e dimostrare che siamo una squadra che vuole realizzare grandi cose. Sento di far parte della miglior generazione di sempre nella storia del calcio cileno”.

Vidal, che contro la Spagna al Maracanà ha rimediato un pestone al tendine d’Achille, non è al top della condizione e potrebbe essere risparmiato per il match di domani San Paolo contro l’Olanda che vale il primo posto nel Girone B. Al Cile serve una vittoria e il centrocampista della Juventus scalpita: “Io sto bene, sicuramente meglio rispetto alla scorsa settimana. Il nostro ct deciderà se farmi giocare o meno, di sicuro io ho molta voglia”.

Dal canto suo il commissario tecnico della Roja, Jorge Sampaoli, ha le idee chiare: “La nostra priorità è vincere il girone, la partita contro l’Olanda è come una finale. Vogliamo evitare l’incrocio col Brasile agli ottavi perché è davvero dura affrontare la Seleçao davanti ai suoi tifosi, in un Mondiale in cui è favorita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Capello loda la sua Russia (perdente): “Noi meglio del Belgio”

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014: estasi Algeria, Corea del Sud fuori dai Mondiali

next