Intorno alle 5.30 di questa mattina la circolazione dei treni è stata completamente bloccata alla stazione Centrale di Napoli, creando numerosi disagi ai passeggeri in attesa. Lo stop è arrivato dopo che l’allarme fumo è partito in un locale sottostante la sala di controllo del traffico ferroviario. Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del fuoco. La decisione di bloccare i treni, sia sulla linea tradizionale, sia su quella dell’Alta Velocità è stata presa per motivi di sicurezza. I treni in arrivo sono stati fermati nelle stazioni intorno a Napoli, mentre quelli in partenza sono rimasti nei depositi.

Il traffico ferroviario ha ripreso lentamente il via poco prima delle 8, dopo aver constatato che non c’era alcun danno agli impianti. Il fumo, infatti, aveva fatto scattare l’impianto antincendio con il blocco degli apparati. Trenitalia ha fatto sapere che i convogli coinvolti nel blocco della circolazione sono stati 32, precisando che quindici treni regionali sono stati cancellati e altri dieci convogli regionali sono stati fermati in stazioni limitrofe. Inoltre, tre treni a lunga percorrenza non sono entrati nella stazione di Napoli Centrale e sono stati fermati in stazioni vicine, mentre altri quattro convogli a lunga percorrenza sono stati deviati su percorsi alternativi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yara Gambirasio, la madre di Bossetti: “La scienza sbaglia. Mio figlio non è un killer”

next
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, Bossetti interrogato: “Il padre? L’ho incontrato in un cantiere”

next