Negli anni peggiori della crisi, quando i mercati finanziari erano più deboli, il loro numero era un po’ calato. Ma ai primi barlumi di ripresa si sono rapidamente rimessi in forze. In Italia nel 2013 i super ricchi – gente che ha in tasca un patrimonio netto da investire di oltre 1 milione di dollari – hanno di nuovo superato quota 200mila persone. Per la precisione sono 203.200, contro i 175.800 del 2012. E nel mondo sfiorano i 14 milioni. A fare i conti sono state, come ogni anno, la società di consulenza Capgemini e Rbc wealth management, che si occupa di gestione dei grandi patrimoni. Secondo il rapporto, il tasso di crescita dei milionari italiani è stato lo scorso anno del 15,6%, superiore a quello della media Ue (+12,5%). Con il risultato che i “paperoni” sono tornati ai livelli del 2007, prima del crac di Lehman Brothers e della recessione. Ma non solo: ad aumentare sono anche gli “ultra ricchi”, con patrimoni superiori ai 30 milioni di dollari (circa 22 milioni di euro). Si tratta di circa 3mila persone, l’1,5% dei milionari italiani. Una percentuale doppia rispetto alla media europea, dove la punta della piramide contiene solo lo 0,7% del totale. A gonfiare i loro portafogli hanno contribuito la performance della Borsa Italiana (+16,9% nell’anno) e lo scudo fiscale che ha favorito il rientro di capitali dall’estero. Notare che il patrimonio considerato è solo quello disponibile per l’investimento: non vi rientrano, quindi, il valore della casa di residenza, i beni durevoli come auto e barche e gli oggetti da collezione. 

L’Italia si conferma al decimo posto nella classifica mondiale, che comprende 14 milioni di individui con patrimoni totali pari a 52.620 miliardi di dollari. La crescita maggiore la registrano, sempre nel 2013, Irlanda (+25%), Emirati Arabi (+24%), Giappone (+22%) e Grecia (+22%), ma è ancora il Nord America l’area con il maggior numero di ricchi, che toccano i 4,33 milioni di persone (+16%), inseguiti dai 4,32 milioni del Far East (+17%). Il cui patrimonio sale a 14,2 trilioni di dollari (+18%) contro i 14,9 trilioni dell’America (+17%). Ma anche in Europa i milionari aumentano a vista d’occhio (+12%) raggiungendo i 3,83 milioni e spartendosi una torta da 12.390 miliardi di dollari (+14%).

Il primato mondiale resta ancora agli Stati Uniti, con 4 milioni di paperoni (+17%), seguiti da Giappone (2,3 milioni), Germania (1,1 milioni) e Cina (758.000). I quattro paesi concentrano il 60% dei milionari del mondo e rappresentano il 70% della crescita della categoria. Dal 2008, ovvero dall’inizio della crisi, gli individui cosiddetti ‘ad alto patrimonio netto’ hanno visto crescere la propria ricchezza del 61%, pari a 20mila miliardi di dollari. Quanto agli ultra paperoni, nel mondo sono 128mila, pari allo 0,9% del totale, ma i loro patrimoni rappresentano quasi il 35% della ricchezza totale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, Standard & Poor’s: “Italiane vulnerabili, redditività debole nel 2014 e 2015”

next
Articolo Successivo

‘Peppa Pig’, Giunti raddoppia l’utile. Crescita del 97% grazie a libri per bambini

next