Alfabeto è andato alla ricerca di coloro che hanno come unico capitale le mani. Con quelle mani, a volte nere come il carbone, realizzano opere mirabili, grandiose e massicce collane d’acciaio, ponti sospesi, bretelle che uniscono montagne. Le mani possono servire anche alla redenzione. C’è chi, a causa delle sue mani sporche, è finito in carcere. E quelle stesse mani ora gli servono per redimersi, per farsi perdonare, per dare un senso alla propria vita. Sono le nostre mani che accarezzano il viso di chi abbiamo amato e ci sta lasciando. E sono sempre le mani, mani miracolose, quelle dei medici che ci strappano alla morte. Le mani d’oro delle tessitrici della Locride, quelle che combattono contro la ‘ndrangheta, e le mani degli operai del tonno. Le mani di chi zappa la terra e suda ogni giorno fin quando la luna cala e quelle di chi progetta yacht, allinea poltrone, cuce federe di pelle. 

Alfabeto è andato alla ricerca dell’onore che ci viene restituito dalle nostre mani: di quelle che costruiscono l’Italia, di quelle che ci curano, ci accarezzano, di quelle che si ribellano, di quelle che ci conducono fuori dai nostri incubi. Alfabeto è un viaggio che osserva la fatica pura e semplice, mostra l’orgoglio, narra la passione e, nonostante tutto, raggiunge la felicità.

Guarda le foto del backstage e inviaci la tua fototestimonianza 

Alfabeto – I video in anteprima

U come Umanità
T come Terra
A come Aldilà
S come Soldi
L come Lusso 
O come Orgoglio 
F come Felicità
L come Lavoro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, nel primo trimestre giù la cassa integrazione. Aumentano le ore lavorate

next
Articolo Successivo

Best Stage 2014, la guida al lavoro: “Trasparenza e rimborsi per i giovani”

next