L’accusa è quella di riciclaggio internazionale di denaro, che gli viene contestata in Svizzera, per i soldi trovati in un conto cifrato alla Ubs di Lugano. Per questo l’ex ministro Corrado Clini è stato interrogato a Ferrara con rogatoria internazionale richiesta dalla procura di Lugano. L’importo di oltre un milione di euro versato sul conto Ubs gli è già costato l’ordine d’arresto per peculato della magistratura ferrarese, per cui Clini è ancora agli arresti domiciliari. Clini si è detto innocente.

Come riferisce il quotidiano La Nuova Ferrara, l’ex ministro, nella tarda mattinata di lunedì, nelle quasi due ore di interrogatorio davanti al giudice Silvia Marini, ha contestato le accuse e ribadito la sua posizione di totale estraneità all’imputazione. Il suo legale, l’avvocato Paolo dell’Anno, del Foro di Roma, presente all’udienza lunedì come nelle settimane scorse all’interrogatorio di garanzia, a Ferrara, dopo l’arresto per peculato, ha spiegato che nell’interrogatorio l’ex ministro Clini ha contestato tutti i profili accusatori addebitati. Il legale non ha aggiunto altro poiché – ha aggiunto – il segreto istruttorio non permette di divulgare dettagli ulteriori.

Nell’aula dell’udienza erano presenti il giudice Marini, referente dell’organo inquirente straniero di turno (la procura federale di Lugano), il procuratore federale Pierluigi Pasi e due collaboratori per formulare le domande all’ex ministro Clini, mentre non erano presenti i magistrati della procura di Ferrara (Nicola Proto e Filippo di Benedetto) che avevano fatto arrestare Clini e che coordinano l’inchiesta ferrarese in merito alla distrazione di soldi dai fondi del ministero dell’ambiente italiano, di cui Clini era direttore generale (sospeso attualmente dall’incarico) in Iraq per il progetto New Eden. La rogatoria internazionale svizzera conferma che al momento quello di Ferrara è il troncone principale delle inchieste a carico di Clini. Nell’inchiesta emiliana Clini è indagato per peculato e anche corruzione, mentre un’altra indagine a suo carico a Roma ipotizza la corruzione transnazionale. Quella svizzera è appunto per riciclaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ravenna Festival 2014, protagonista la Grande guerra. In scena anche Capossela

prev
Articolo Successivo

Pd, le primarie e il candidato dopo Errani: scontro sul ticket segretario-governatore

next