Il Messico si dimostra più forte degli errori arbitrali (due gol di Giovani Dos Santos annullati ingiustamente), batte 1-0 il Camerun con una rete nella ripresa di Peralta e raggiunge il Brasile in testa al Girone A. La gara, giocata a Natal sotto una pioggia incessante, vede un netto predominio della squadra centroamericana. Il Messico centra così la prima vittoria contro una squadra africana nella storia dei Mondiali.

LE PAGELLE

Dos Santos 7 Gli annullano due gol regolarissimi, ma lui non si demoralizza e continua a dispensare giocate di gran classe. Entra nell’azione del gol, anche se il suo errore davanti ad Itandje è da matita rossa

Marquez 7 Un drago. Insuperabile in difesa, si dedica spesso e volentieri all’impostazione e detta lo spartito ai compagni. Grande intervento in spaccata nella ripresa a chiudere sul traversone di Moukandjo

Hernandez 5,5 Entra a un quarto d’ora dal termine, si vede che ha voglia ma si divora un gol clamoroso nel finale. Ora rubare il posto a Peralta sarà impresa complicata

Song 4,5 Un disastro: che il ragazzo fosse in piena involuzione lo si sapeva. Ma confrontare questo giocatore confuso e fuori forma con la forza della natura dei tempi dell’Arsenal fa pensare a quanto Barcellona possa far male

Eto’o 6 Il guizzo del bomber non l’ha perso: lo dimostra nel primo tempo quando centra un gran palo in corsa col sinistro. Ma i compagni non lo supportano e alla fine si arrende. Potrebbe essere il suo ultimo Mondiale

Choupo-Moting 5 Delusione di giornata. Contro la Germania in amichevole aveva impressionato per velocità ed eleganza, tutte doti che stasera non si sono viste

MESSICO-CAMERUN 1-0
MARCATORE: 61′ Peralta (M).
MESSICO (5-3-2): Ochoa 6,5; Aguilar 6, Layun 6,5, Marquez 7, Maza Rodriguez 6,5, Moreno 6; Guardado 6,5 (69′ Fabian 6,5), Herrera 6,5 (92′ Salcido sv), Vazquez 6; Dos Santos 7, Peralta 7 (73′ Hernandez 5,5). A disp.: Corona, Talavera, Ponce, Reyes, Aquino, Brizuela, Pena, Jimenez, Pulido. All.: Herrera 7.
CAMERUN (4-3-3): Itandje 6,5; Assou-Ekotto 6,5, Chedjou 5, Djeugoue 5 (46′ Nounkeu 5,5), N’koulou 5; Enoh 5,5, Mbia 6, Song 4,5 (79′ Webo 6); Choupo-Moting 5, Eto’o 6, Moukandjo 6. A disp.: Feudjou, N’djock, Bedimo, Nyom, Makoun, Matip, N’guemo, Sally, Aboubakar, Olinga. All.: Finke 5.
ARBITRO: Wilmar Roldan 5.
AMMONITI: Moreno (M), Nounkeu (C).
NOTE: angoli 2-7, rec. pt 2′, st 4′.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014, gli orari delle partite in tv: stasera Spagna-Olanda su Sky e Rai

prev
Articolo Successivo

Mondiali Brasile 2014: Cile-Australia 3-1, tabellino e pagelle

next