Dopo la Settima commissione che ha puntato il dito contro la gestione dei fascicoli del capo della Procura di Milano, Edmondo Bruti oggi è arrivata la decisione della Prima: ovvero trasmettere gli atti ai titolari dell’azione disciplinare sia per il capo della Procura sia per il suo aggiunto Alfredo Robledo che ha sollevato la questione  davanti al Csm lo scorso marzo. La Prima Commissione propone anche di archiviare il fascicolo relativo al trasferimento d’ufficio.

I consiglieri hanno chiesto anche la trasmissione degli atti alla Quinta Commissione, competente per gli incarichi direttivi. La decisione è passata con cinque voti a favore e il solo voto contrario del togato di Magistratura Indipendente, Antonello Racanelli, che presenterà una proposta alternativa. A favore della delibera hanno votato oltre al relatore Mariano Sciacca (Unicost), i laici Annibale Marini (Centrodestra) e Glauco Giostra (Pd) e i togati di Aria, Paolo Carsì e Francesco Vigorito. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bufera gdf, “30 mila euro al mese” e gite in barca per “pilotare” le verifiche fiscali

next
Articolo Successivo

Scajola: “A Roma l’incontro tra Berlusconi, Gemayel e Speziali”

next