Il video gira in Rete da martedì e ha già scatenato un mare di polemiche. Si vede Lello Abete, appena eletto sindaco di Sant’Anastasia, centro in provincia di Napoli, festeggiare la vittoria al ballottaggio con tanto di musica da discoteca ad alto volume e decine di sostenitori sotto la casa dello sfidante del centrosinistra, Antonio De Simone . Fino alle 4 del mattino. Una scena ripresa da qualcuno e subito postata in Rete. “E’ stato un corteo nato in maniera spontanea – ha detto poi Abete, rispondendo alle polemiche – ho anche evitato che passasse fuori alla sede del Pd. Il festeggiamento ha rispettato i canoni della legalità e del buon senso, restando nei limiti che sin da subito ho ‘imposto’ alle centinaia di cittadini accorsi a festeggiare la mia elezione”. E a chi ha sottolineato la presenza anomala di un’auto della Polizia municipale che niente fa per evitare la provocazione, Abete risponde: “L’auto ha accompagnato il corteo solo allo scopo di evitare disagi e problemi alle persone e alla viabilità”  di Andrea Postiglione  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bruxelles, l’appello di Farage agli attivisti M5S: “Votate per alleanza con l’Ukip”

prev
Articolo Successivo

Lista Tsipras: Barbara Spinelli e la ‘candidite’

next