Nuove proteste tra i rifugiati ospiti nel Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) di Castelnuovo di Porto, a 30 km da Roma, gestito dalla cooperativa Auxilium. Questa mattina intorno alle 7 un gruppo di migranti ha occupato la via Tiberina, bloccando il traffico per protestare contro le condizioni di vita nella struttura e per rivendicare il cosiddetto ‘pocket money’, il contributo giornaliero che spetta agli ospiti dei centri di accoglienza. Gli immigrati hanno bloccato la circolazione esponendo striscioni e cartelli con la scritta “Trattateci come esseri umani”. Molti di loro si sono anche sdraiati a terra. Sul posto sono intervenute anche le forze dell’ordine che hanno caricato i manifestanti per liberare la strada. I presenti sono poi stati identificati. Un militare è stato ferito inseguendo un manifestante. L’ultima protesta nel Cara era scoppiata il 15 maggio scorso quando i migranti avevano bloccato l’ingresso della struttura. Nel corso dell’alluvione del gennaio scorso inoltre il centro si era allagato e gli ospiti presenti si erano rifugiati ai piani superiori

(video di Dinamopress)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa vista da chi accoglie i migranti: l’ombelico del mondo

next
Articolo Successivo

Milano, i profughi siriani: “Nessuno ci spiega come raggiungere il Nord Europa”

next