Scade questa sera il termine ultimo per presentare in commissione Affari Costituzionali gli emendamenti al disegno di legge costituzionale sulla riforma del Senato, ma il nodo principale resta l’elezione dei senatori. Da una parte la proposta sostenuta dalla minoranza democratica, 5 Stelle, Forza Italia e Lega Nord che punta all’elezione diretta, dall’altra il modello francese che affida la scelta a consiglieri comunali e regionali e ai deputati. “Ci può giurare, troveremo un accordo fra le due posizioni”, promette da Roma la senatrice Anna Finocchiaro (Pd) presidente della Prima Commissione. “Credo che la minoranza del Pd che ha sostenuto il ddl Chiti accetterà il sistema elettivo indiretto”, afferma il senatore Miguel Gotor (Pd) che ha proposto la formula alla francese. Dichiarazioni che contraddicono l’opinione del collega Corradino Mineo: “Se al Senato di domani saranno affidati compiti fondamentali come l’elezione del Presidente della Repubblica, è imprenscindibile una legittimazione popolare diretta”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Poletti: “Abbiamo bisogno di ripresa più forte per produrre occupazione”

next
Articolo Successivo

Farage ad Agorà: “Sono tante le cose in comune fra Ukip e M5S”

next