Legambiente torna alla carica contro l’installazione di antenne per la telefonia mobile all’Isola d’Elba. Il territorio – attacca la sezione Arcipelago Toscano – sembra essere “nuovamente alla mercé delle compagnie telefoniche che installano dove e come vogliono le loro antenne, sfregiando paesaggi e habitat”. L’associazione ambientalista parla di “occupazione anarchica” del territorio a danno dell’ambiente “e dei diritti dei cittadini alla salute e all’informazione”: agli 8 Comuni elbani (la maggior parte dei quali accusati di “complice disinteresse“) viene perciò chiesto di sospendere le autorizzazioni per nuove strutture fino a che non sarà approvato “un Piano comprensoriale per la telefonia”. L’obiettivo è fare ordine tra le questioni di ordine urbanistico, ambientale e paesaggistico. A puntare il dito contro “il proliferare incontrollato di antenne” è anche il Comitato No elettrosmog.

Nel mirino del Cigno Verde finiscono la stazione radio base Wind attualmente in costruzione a Porto Azzurro (la pratica edilizia venne avanzata nel 2007 da Nokia Siemens su incarico appunto della società di telefonia mobile), la richiesta di autorizzazione per una nuova stazione Vodafone a Portoferraio e il finto cipresso di 17 metri (“suppostone di plastica verde”) che a Campo nell’Elba avvolge dall’agosto scorso l’antenna Vodafone. A Porto Azzurro il caso è stato nei giorni scorsi sollevato da alcuni residenti e dal gruppo consiliare di opposizione. Al sindaco è stata presentata un’interrogazione poichè “la questione sta creando tra la popolazione un condivisibile allarme”. Secondo Legambiente i cittadini non sarebbero stati adeguatamente consultati e il manufatto in costruzione sarebbe troppo vicino alle abitazioni.

Luca Simoni, sindaco di centrodestra di Porto Azzurro, precisa però che il Comune “non ha mai rilasciato concessione edilizia”: l’amministrazione comunale – spiega il primo cittadino – ha infatti sempre espresso “perplessità” sulla localizzazione del manufatto, anche perché “quel terreno era stato destinato nel nuovo Regolamento urbanistico a parcheggio pubblico”. La svolta a favore della società è però arrivata a seguito della sentenza d’appello del Tar e dei pareri favorevoli della Soprintendenza e dell’Arpat. Simoni precisa comunque che il livello delle emissioni elettromagnetiche verrà costantemente monitorato.

Una struttura simile potrebbe presto sorgere anche a Portoferraio, in località La Biodola (anche in questo caso località balneare che d’estate è affollatissima). La richiesta d’autorizzazione è stata presentata nelle scorse settimane al Comune da parte della società Vodafone-Omnitel. Legambiente ricorda polemicamente “le inamovibili antenne” piazzate in passato a Portoferraio in località Puntale e sottolinea che la nuova antenna verrebbe installata “ancora una volta a un passo dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ancora una volta in un’isola che fa parte di un International bird area e di Rete Natura 2000 dell’Ue”. A chiedere di rigettare la richiesta di autorizzazione è anche il “Comitato No elettrosmog”.

Lo scontro sulle antenne per la telefonia mobile si era riacceso lo scorso agosto a seguito dell’installazione a Campo nell’Elba di una stazione radio base Vodafone. L’operazione è andata a buon fine malgrado oltre 400 firma di protesta, la presentazione di alcuni esposti e roventi polemiche sul suo iter autorizzativo . L’antenna, alta circa 17 metri, si trova in una vigna a una cinquantina di metri dalle abitazioni. La struttura è stata nascosta e avvolta all’interno di un finto cipresso di plastica. “Camuffamento” che aveva spinto Legambiente a parlare appunto di “orribile suppostone di plastica verde”. La “guerra” contro le antenne non è ancora finita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terra dei fuochi: incontro con Don Maurizio Patriciello. La speranza che non si arrende mai

next
Articolo Successivo

Scorie nucleari, pronto il piano per il deposito. Ma resta fermo “causa elezioni”

next