Fedele Confalonieri (presidente di Mediaset) e Gianni Letta (fedelissimo dell’ex premier Silvio Berlusconi) sarebbero andati – secondo gli inquirenti – da Silvio Berlusconi (leader di FI) a sponsorizzare la candidatura alle Europee 2014 dell’ex ministro Claudio Scajola, arrestato per il favoreggiamento di Amedeo Matacena (ex parlamentare di FI). È stato lo stesso Scajola a parlarne in un’intercettazione con Chiara Rizzo, la moglie dell’ex parlamentare latitante a Dubai. “Se non mi candidano loro – dice sempre l’ex ministro – andranno a prendere una facciata e io non ero l’ultimo dei mohicani a farmi spennare”. Nella telefonata, pubblicata in esclusiva da ilfattoquotidiano.it, i due discutono anche di una lettera “autografa” e di un “programma”. Secondo gli inquirenti si tratta della lettera, trovata sulla scrivania di Scajola e firmata da Amin Gemayel, il leader delle falangi libanesi. Attraverso di lui (e qui il “programma”), stando alle risultanze della Procura di Reggio Calabria, Matacena e la Rizzo avrebbero tentato di far trasferire Matacena da Dubai a Beirut  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Politici, basta immunità. Chi ruba sia giuridicamente responsabile

next
Articolo Successivo

Expo 2015, Cattozzo: “Cupola voleva 2 milioni di euro. Luigi Grillo sapeva”

next