Troppo spesso sentiamo, con il ritornello Ce lo chiede l’Europa chiamare in causa l’Europa, a torto, soprattutto quando si deve cercare un capro espiatorio per giustificare decisioni impopolari, assurde o che interessano i soliti noti.

Quando invece c’è da applicare o recepire norme europee che danno più diritti ai cittadini (si, ce ne sono) allora i nostri politici dimenticano quel ritornello e si girano dall’altra parte (non a caso l’Italia è il paese con il maggior numero di procedure d’infrazione aperte). Ciò al costo di farci pagare multe salatissime (è già accaduto, ad esempio con il caso Europa7/Di Stefano, (e le cose non cambieranno fino a quando i responsabili non saranno chiamati a pagare di tasca loro).

E’ da questa amara constatazione che è nato CeLoChiedeLEuropa.eu , con lo scopo di fare un po’ di informazione sulle tematiche europee troppo spesso dimenticate e tralasciate e per verificare (oggi va di moda il termine“Fact-checking”) se quelle che i nostri politici vogliono far passare come “imposizioni di Bruxelles” siano davvero tali e sbugiardarli in caso contrario (anche qui,  se fosse istituito il reato di “dichiarazioni mendaci” per chi occupa un incarico pubblico questi ci penserebbero due volte prima di spararle).

I casi sono innumerevoli: si va dalla privatizzazione di Tirrenia, alla responsabilità civile per i giudici, passando per il numero chiuso all’università o ancora l’indulto. Tutti con il “ce lo chiede l’Europa” come unico denominatore. 

Se il concetto vi piace spero che vorrete condividerlo con i vostri amici e partecipare inviando proposte, suggerimenti, idee e perché no dichiarazioni “sospette” del politico di turno che, con la scusa di Bruxelles, cerca di giustificare l’improponibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

CasaPound, il reportage su Le Monde

prev
Articolo Successivo

Italicum, Nencini conferma che la legge elettorale è antidemocratica

next