“Siamo scesi in piazza ancora una volta per contestare gli sfratti, gli sgomberi e la mancanza di politiche abitative”. A un mese esatto dalla manifestazione del 12 Aprile a Roma, i Movimenti di Lotta per la Casa manifestano ancora una volta. Un corteo per le strade del centro della Capitale per dire no “al decreto Lupi, alla speculazione edilizia e per rivendicare il diritto all’abitare”. “Non mi resta che occupare – dice una signora – ho avuto lo sfratto stamani e dove vado a dormire stanotte con mia figlia?”. Sull’inchiesta della magistratura che ha portato al sequestro del centro sociale Angelo Mai e di due stabili occupati con le accuse nei confronti di diversi indagati di associazione a delinquere ed estorsione, Luca Fagiano del Coordinamento di Lotta per la Casa taglia corto: “Vediamo come si svilupperà l’indagine, ma difronte alla solitudine di chi vive queste situazioni, l’unica via d’uscita sono i movimenti”. Al termine del corteo, i manifestanti montano le tende a Piazza Venezia, intenzionati a passare la notte all’aperto  di Annalisa Ausilio e Mauro Episcopo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Divorzio, 40 anni fa la “retorica” di Fanfani per fare abrogare la legge

prev
Articolo Successivo

FdI, Magdi Allam: “Diritti ai gay? Così sovvertiamo società e abbiamo calo natalità”

next