La commissione Giustizia della Camera ha dato il via libera alla proposta di legge sul divorzio breve. Tutti e 23 gli emendamenti sono stati votati a larga maggioranza, il testo quindi è pronto per passare all’esame dell’aula il 26 maggio. Il documento prevede l’abbassamento dei tempi a 6 mesi per il consensuale e a 12 mesi per il giudiziario.

Grande soddisfazione è stata espressa dai relatori Luca D’Alessandro (Fi) e Alessandra Moretti (Pd) “per questo traguardo – ha sottolineato il deputato di Fi – frutto della mediazione tra varie parti politiche. Questo è un provvedimento infatti che non deve soggiacere a colori partitici”. Un’altra novità riguarda la tempistica, che scatta alla notifica della richiesta e non più, come era precedentemente regolamentata, al deposito della richiesta. “Si tratta – prosegue il deputato Fi – del frutto di una mediazione tra varie parti politiche, che non soggiace alla logica maggioranza-opposizione, ma alle coscienze”. C’è stato invece un invito al ritiro per un emendamento, presentato da alcuni esponenti del Misto e del Pd, che prevedeva il divorzio diretto in caso di separazione consensuale: “Non sono filosoficamente contrario – spiega ancora D’Alessandro – ma si tratta di una legge di mediazione in cui si è cercato di rispettare la sensibilità di ognuno. Nulla vieta comunque che l’emendamento possa essere ripresentato in Aula”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Divorzio, 40 anni fa la “retorica” di Fanfani per fare abrogare la legge

next
Articolo Successivo

Cie Gorizia, denuncia delle associazioni. “Lacrimogeni al chiuso contro migranti”

next