Come da attese la Banca Centrale europea ha deciso di mantenere invariati i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali. Lasciando quindi quello principale al minimo storico dello 0,25%. Resta ferma fermo anche il tasso sui depositi, a zero, e quello marginale, allo 0,75%. La decisione della Bce era stata prevista dagli analisti, che ritengono più probabile un eventuale intervento dell’Eurotower a giugno, quando saranno pubblicate le nuove proiezioni su inflazione e crescita nell’eurozona. Il consiglio dei governatori si è riunito oggi eccezionalmente non a Francoforte ma a Bruxelles, come avviene due volte all’anno. Dopo la decisione della Bce prosegue la seduta in rialzo di Piazza Affari: il Ftse Mib sale dell’1,12%.
Nella consueta conferenza stampa dopo la riunione del board il governatore Mario Draghi ha detto che in consiglio “c’è stata una discussione” sui tassi e la Bce potrebbe agire il prossimo mese, sulla base delle nuove proiezioni su crescita o inflazione. L’Eurotower potrebbe mettere in campo anche le anticipate “misure non convenzionali” (acquisti di titoli sul mercato per immettere liquidità nell’economia) se il livello di inflazione resta a livelli molto bassi. R
ispondendo a una domanda sulla possibilità che i Paesi membri – tra cui l’Italia, che ha rinviato il pareggio di bilancio dal 2015 al 2016 – non rispettino i limiti previsti sul debito o il deficit, Draghi ha detto che “non è mai una buona policy, che può generare crescita, infrangere regole che ci sono o posporre riforme strutturali”. E ha ricordato quanto accaduto in Francia, Germania e Italia all’inizio degli anni 2000: “Infrangendo le regole hanno causato mancanza di credibilità per queste stesse regole”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unicredit vende il recupero crediti, 800 dipendenti in sciopero

next
Articolo Successivo

Pil Italia, Moody’s migliora le stime: nel 2015 possibile crescita fino al 2%

next