Mettetevi nei suoi panni, per quanto risicati. Già le è toccato, mica facile, fare la comunicazione politica di una lista dal nome vicino a una marca di mutande – Tsipras / Tezenis. In più, in queste settimane, mentre si affannava a spiegare che no, il candidato Gattuso non era Gennaro, ma Domenico, ordinario di Trasporti presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, le toccava ascoltare in continuazione commenti del tipo: “Spinelli chi?”, oppure “Tsipras? Quella roba che erano in tre e poi Paolo Flores d’Arcais e Andrea Camilleri se ne sono andati ed è rimasta Barbara Spinelli che però se eletta non ci va?”.

Quando poi i suoi candidati hanno deciso di approdare, per l’inizio della campagna elettorale, a Ventotene – l’isola del confino di Spinelli e Rossi per i pochi, luogo di gita in ciabatte per i molti – Paola Bacchiddu si è messa le mani tra i capelli. E ha optato, un po’ Pannella, un po’ Femen, per un gesto estremo: annunciare l’inizio della campagna elettorale postando su Facebook una ruspante foto in bikini bianco. Perché, si sarà detta, avrà pure ragione il nostro portavoce Marco Revelli a dire – annunciando il ricorso all’Agcom contro l’oscuramento Rai – che con l’avvento di Renzi c’è “un dispotismo mediatico peggiore dei tempi di Berlusconi”. Però provate voi a raccontare una lista appoggiata da Sel e Rifondazione, passando per Ingroia di Azione (ma non era Rivoluzione?) civile, con dentro liberali, radicali, femministe, professori, scrittori, no global, artisti e cantanti, accomunati soprattutto da una cosa, far parte dell’Isola degli Ignoti. Insomma, quale migliore sintesi politica di un’Europa che ci lascia in mutande?

Apriti cielo: da un lato, si scatenavano gli indignati che, invocando a gran voce il nome di Boldrini, annunciavano che non avrebbero più votato la lista – “E se fosse stata di Forza Italia? Quindi le chiappe hanno cambiato nome e adesso si chiamano humour?”. Dall’altro però, c’era chi inneggiava alla fine del moralismo extraparlamentare – “viva la Fipras!” – e del bacchettonismo di quei radical chic che a casa fanno i porci con le ali, ma fuori devono sempre gridare al sessismo. Il risultato? Il nome Tsipras – sono i media, bellezza – scalava vertiginosamente le vette di Google, e qualcuno finalmente veniva a conoscenza della lista. Perciò, cara Bacchiddu, continua così. Ma prometti che se la Tsipras raggiunge il quorum ti spogli del tutto, novella Ferilli. Dopo un salto a Lourdes, però, e senza affittare il Circo Massimo. Basta la piazzetta.

Dal Fatto Quotidiano del 6 maggio 2014 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paola Bacchiddu, il bikini politicamente scorretto e le vestali del conformismo

next
Articolo Successivo

Paola Bacchiddu in bikini: mutande, stampa, libertà e responsabilità

next