Dopo l’attacco del premier Matteo Renzi (Pd), che ha definito il leader del Movimento 5 stelle “uno sciacallo”, Massimo D’Alema (Pd) rincara la dose in vista delle elezioni europee di fine maggio: “Grillo dovrebbe essere motivo di preoccupazione per il Paese, perché sarebbe un modo disastroso di presentarsi in Europa”. “Grillo non è una preoccupazione del Pd, perché i sondaggi ci indicano largamente come il primo partito e in forte crescita, ma credo che dovrebbe essere un motivo di seria preoccupazione per tutti gli italiani” ha detto in visita al circolo Pd di Casalecchio di Reno, nel bolognese. “Abbiamo già pagato un prezzo elevato per le performance di Berlusconi in Europa – afferma – e se si dovesse aggiungere anche Grillo, penso che questo sarebbe un grave danno per la credibilità dell’Italia”. Mentre sullo scontro tra Renzi e i sindacati sul decreto lavoro, l’ex premier ha aggiunto: “Non lo ritengo un fatto positivo. I sindacati hanno espresso la preoccupazione che la legge non crei maggiore precarietà. E la precarietà non è riformista”  di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nusco, De Mita: ‘Vecchio per la politica? I nuovi mi fanno pena, manco sono nati’

next
Articolo Successivo

Tav, Chiamparino: “Opera che migliora la qualità ambientale. Cantiere modello”

next