Angelino Alfano vede un’Expo col “turbo” e Maurizio Lupi dà il suo contributo dando il via libera a 141 milioni per la costruzione delle infrastrutture collegate all’Esposizione universale del 2015. Secondo il ministro dell’Interno, nonostante le polemiche sui rischi collegati alla semplificazione dei protocolli antimafia, il progetto ‘Expo mafia free’ ha ottenuto “risultati eccellenti” dal punto di vista della prevenzione delle infiltrazioni delle organizzazioni criminali, in vista dell’Esposizione universale del 2015. In particolare per Alfano, nella riunione del Comitato nazionale per l’ordine pubblico e la sicurezza, lunedì a Milano, sono stati approvati provvedimenti che “hanno messo il turbo” alla realizzazione delle opere, con appunto una semplificazione delle norme anti-infiltrazione, mentre sono stati rafforzati “i poteri del prefetto di Milano, con un maggiore potere di coordinamento e di assumere determinazioni per rendere coerente le linee guida”.

E per il prefetto Tronca “semplificare i controlli antimafia non significa depotenziarli”, anzi: “Se si fanno controlli mirati e incisivi e soprattutto veloci il risultato si raggiunge in modo molto più efficiente”. Un’accelerazione che ha trovato proprio in giornata la sponda del ministro dei Trasporti, che ha firmato un decreto che libera 141 milioni di euro necessari per la costruzione delle infrastrutture collegate. Si tratta di opere che “resteranno in eredità ai cittadini lombardi, e non solo, vista la centralità di questa regione per l’intera economia italiana”. Più da vicino, nonostante il parallelo piano per la liberalizzazione di Linate, 45 milioni saranno destinati all’accessibilità ferroviaria Malpensa T1 e T2; 42,8 milioni per l’integrazione della linea M4; 31 milioni per il parcheggio di Cascina Merlata, 17,2 milioni per il collegamento SS11-SS 233 (lotto 1B); e 5 milioni per le opere di collegamento e accoglienza tra il parcheggio e il sito espositivo.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consob, nel 2013 le multe salgono a 32 milioni. Di cui 4 ai collegi sindacali

prev
Articolo Successivo

Tobin Tax, Padoan: “Accordo 11 Paesi Ue per armonizzazione”. Timori da Gb

next