Nel Movimento 5 Stelle sento una gran puzza di fascismo. Lo avverto quando sento certe terminologie, come quelle usate a Piombino da Grillo, che mi parla di ‘peste rossa’“. Così Vauro commenta l’attacco odierno di Beppe Grillo a Michele Santoro. Ospite de “L’aria che tira”, su La7, il vignettista puntualizza: “Non mi stupisce quello che ha scritto Grillo su Santoro nel suo blog. Lui è abituato a fare le liste di proscrizione, rientra nella sua cultura. Anch’io sono stato spesso molto gratificato dagli insulti su internet dalla cosiddetta democrazia diretta”. E aggiunge: “In questi adepti del guru Grillo il livello di fanatismo è molto più elevato rispetto a quello che c’è nel Pd. Ma non credo che ci sia una possibilità di cultura politica finché questo nostro Paese crede di poter delegare i suoi problemi al salvatore di turno. E credo ancora meno” – continua – “che ci sia una chance di uscire almeno minimamente dal pantano in cui siamo immersi se continuiamo a delegare a un tizio o a un caio, si chiami Grillo, Renzi o Berlusconi, la soluzione di questi problemi perché sono loro che li stanno provocando“. Vauro sottolinea: “Grillo teorizza l’era post-ideologica, cioè il superamento di destra e sinistra, però, se si studiasse un po’ la storia di questo paese, vedremmo che è stata la teoria che ha dato origine al fascismo storico in questo Paese. Destra e sinistra non sono due categorie astratte, ma la rappresentazione dinamica degli interessi di classi sociali diverse, interessi che spesso non sono conciliabili se non attraverso un conflitto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs Act, Gasparri (FI): “Ormai è ‘Cgil act’. Alfano piegherà la testa come Renzi?”

next
Articolo Successivo

De Benedetti: “Renzi? Ho cambiato idea: è intelligente. Grillo? Fascistello”

next