Qualche giorno fa ero a cercare un eyeliner all’interno di uno dei più famosi negozi di cosmesi. Il mio sguardo è però stato attratto dalla miriade di tipologia di rossetti presenti in esposizione sugli scaffali. Quindi ho approfondito cercandoli sul sito perché sarebbe stato impossibile ricordarli tutti: rossetto cremoso in stylo, rossetto effetto laccato, matita rossetto dal finish satinato, rossetto liquido, rossetto glossato effetto bagnato, rossetto mat satinato, rossetto semi-trasparente brillante, rossetto metallizzato luminoso, rossetto ricco e nutriente, rossetto cremoso dal colore puro, pennarello labbra no-transfer, effetto tattoo naturale a lunghissima durata.

Poi ho cercato ancora e tra i brand più chic ecco il colour couture trattamento voluttuoso, il lipstick con colore vibrante (sicuramente il mio), effetto smalto sulle labbra, il volumizzante ad azione rapida, il mat luminoso, quello che dà la sensazione labbra nude oppure più levigante di un balsamo. Complimenti ai creativi!

Un’amica bolognese proprietaria di un negozio di trucco e parrucco, proponeva l’idea di quello che oltre ad essere waterproof, soddisfacesse le esigenze sessuali maschili ovvero non provocasse sbavature fuxia o arrossamenti cremosi. Quindi un rossetto fellatio-proof. Beh, lei ha usato un altro termine, ma trovo assolutamente geniale l’appellativo.

A dire il vero io trovo sensuali gli svolazzi rossi e cremosi, che siano sul collo, sulle labbra o altrove, quindi sono assolutamente a favore dei lipstick a breve durata, vermigli, cremosi e di effetto. Che si amalgamano alla saliva. Inoltre rimango dell’idea che un rossetto debba essere contenuto nel tipico cilindro, palesemente fallico. I lipgloss con la spugnetta, secchi secchi come un cotton fioc, non hanno nulla di sexy.

Infine ribadisco la gestualità e ricordo alle più giovani – ma non solo – che se si è con qualcuno che si vuole conquistare, estrarre dalla borsa un rossetto, un portacipria e con nonchalance ridipingersi le labbra fa eccitare molto di più ed è maggiormente accattivante di un selfie scollacciato.

Potete seguirmi anche qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ristoranti: El Celler de Can Roca difenderà lo scettro?

next
Articolo Successivo

World’s 50 Best Restaurants 2014: vittoria al Noma, l’Italia di nuovo terza con Bottura

next