Puntuale come ogni anno, insieme all’uovo di cioccolato arriva l’immancabile statistica creativa. Per il pranzo di Pasqua di quest’anno, fanno sapere Adusbef e Federconsumatori, gli italiani hanno speso esattamente il 13,8% in meno rispetto all’anno scorso. “Nettissimo calo” per uova e colombe: addirittura -21,5%. Strano, perché invece il Codacons ha calcolato che le tavole della festa sono state “più povere mediamente del 3,5%”, i consumi sono calati di 200 milioni e i dolci tipici sono scesi “rispettivamente del 9 e del 12% sul 2013”. Par di capire che i dati risultino da un sondaggio condotto nella giornata di domenica, ma non dev’essere così se già martedì 15 aprile l’associazione dei consumatori, in un comunicato, diffondeva gli stessi numeri – all’epoca, però, presentati nella veste di “propensione agli acquisti”. Il mistero si infittisce quando si legge la nota di Coldiretti: da un’indagine condotta dai coltivatori insieme all’istituto Ixè emerge che il 62% delle famiglie ha “mantenuto lo stesso budget” e il 5% lo ha persino aumentato. Stime? Previsioni? Rilevazioni a campione? Non è dato saperlo, anche perché nel giorno di Pasquetta gli uffici studi e i presidenti delle associazioni risultano irraggiungibili. Saranno in vacanza, in buona compagnia visto che, rivela Coldiretti, 4,1 milioni di connazionali sono partiti per qualche giorno di svago. Federconsumatori e Adusbef però sono più ottimisti: a staccare dalla routine sono stati 4,6 milioni di italiani. Federalberghi però batte tutti e, alla faccia dei gufi, assicura che “14,4 milioni di persone” hanno trascorso almeno una notte fuori casa. Resta una certezza: 4 su 10 hanno mangiato agnello.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Made in Italy, Pasta Garofalo smentisce cessione agli spagnoli di Ebro Foods

prev
Articolo Successivo

Banche, sindacato: “Le perdite salgono ma gli stipendi dei banchieri non frenano: +16,8%”

next