Il debito pubblico italiano ha toccato un nuovo massimo storico: in febbraio è aumentato di 17,5 miliardi, toccando quota 2.107,2. Lo ha comunicato la Banca d’Italia. Alla fine dello stesso mese del 2013 l’ammontare del debito era di 2.018,2 miliardi, quindi su base annua l’aumento è stato pari a 89 miliardi di euro. L’incremento, sottolinea via Nazionale, riflette per 10,7 miliardi il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche e per 6,8 miliardi l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (64,8 miliardi a fine febbraio, contro i 49,6 di un anno prima). Il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 19 miliardi, quello degli enti locali è diminuito di 1,5 miliardi (da 110,2 a 108,8 miliardi) e quello degli enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. Secondo il supplemento al Bollettino statistico di Bankitalia, tra le amministrazioni locali le più virtuose su questo fronte sono state le Regioni, che hanno visto il debito calare da 38,9 a 38,3 miliardi, a fronte invece di un lieve incremento del “buco” dei Comuni (dai 47 miliardi di gennaio a 47,1). Stabili le Province, a 8,4 miliardi.

Intanto, ha fatto sapere l’Istat, i prezzi non corrono più. Aumentano, sì, ma di pochissimo: a marzo il tasso di inflazione si è fermato a +0,4% rispetto a marzo 2013. E’ il rialzo mensile più basso dall’ottobre 2009. In confronto a febbraio, poi, i listini sono saliti solo dello 0,1%. Si tratta di quella che gli addetti ai lavori chiamano “low-flation“, cioè un’inflazione ancora positiva ma molto bassa, cosa che per ora va a vantaggio delle famiglie alle prese con la spesa al supermercato ma nel lungo termine – in particolare se si trasformerà in vera e propria deflazione, vale a dire il progressivo calo dei prezzi – potrebbe avere pesanti effetti negativi sulla produzione, l’occupazione e in definitiva l’andamento dell’intera economia. Un chiaro segnale sulla direzione che sta prendendo l’indice generale arriva dai prezzi dei beni alimentari, che a marzo sono diminuiti dello 0,3% su base mensile (ma si mantengono ancora in crescita, +0,7%, su base annua).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Def, il ministero dell’Economia smentisce blocco contratti pubblici fino al 2020

next
Articolo Successivo

Facebook vicina al lancio di un servizio di “moneta elettronica”

next