Lo 1°  febbraio scorso Benjamin, un giovane nigeriano,  sventò uno scippo in pieno centro a Napoli nell’indifferenza generale. Oggi il sito del quotidiano Il Mattino racconta che questa storia di generosità ha un lieto fine. Benjamin, che fino a poco tempo fa era costretto a chiedere l’elemosina, ha già un lavoro almeno fino a settembre con la società Gesac che gestisce l’aeroporto del capoluogo campano. Farà da supporto del settore che si occupa di presidiare la viabilità esterna all’aeroporto. Benjamin che non parla ancora perfettamente italiano però si è integrato con il gruppo di lavoro e presto comincerà a frequentare anche un corso. 

Lo straniero, adottato anche da una squadra di calcio Afro-Napoli United, spiegò il suo gesto così: “L’ho fermato perché quando vedo qualcuno che prova a rubare quello che non è suo non riesco a stare fermo a guardare. Lì c’erano molti testimoni e io gli dicevo di chiamare la Polizia, ma nessuno lo faceva e alla fine il ladro è riuscito a scappare (poco dopo il malvivente è stato comunque arrestato, ndr). In Nigeria queste cose non succedono: da noi se c’è un ladro lo si rincorre e lo si consegna alla polizia”. “In Italia mi è capitato più volte di vedere scippi senza che la gente intervenga. Non è giusto: si dà ai ladri il potere di rubare ancora”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beppe Grillo Tour, biglietti cercasi

prev
Articolo Successivo

Moby Prince: su internet verbali, audio e video: “Così chiunque può capire”

next