Una scossa di terremoto, magnitudo 5.1, è stata registrata alle 12.24 in Calabria, a una profondità di 68 chilometri nel Mar Jonio, al largo della costa tra le province di Crotone e Catanzaro. Lo apprende l’Ansa dall’Istituto di Geofisica. I comuni più vicini all’epicentro sono stati: Isola Capo Rizzuto, Crotone, Cutro e Botricello.

Numerose chiamate sono giunte al 115 dei Vigili del Fuoco. Al momento, secondo quanto riferito dai vigili, dalla Regione Calabria e dalla Protezione civile non sono stati segnalati danni. La scossa di terremoto è stata avvertita anche a Messina. Secondo quanto riferito dalla Protezione civile però non si registrano danni a cose o persone nel Messinese.

“C’è stata paura,tanta paura. Appena è stata avvertita la scossa siamo usciti tutti e ci siamo radunati nel cortile del nostro istituto”. Hanno raccontato due studentesse dell’Istituto professionale per il commercio di Botricello. Il centro, a circa 30 chilometri da Catanzaro, è una delle località più vicine all’epicentro del sisma. “La scossa qui – ha aggiunto un altro ragazzo – si è sentita molto bene. Ci hanno fatto evacuare subito”.

L’area interessata dal terremoto è stata colpita da altri due sismi analoghi negli ultimi 40 anni e un terremoto più forte avvenuto nel 1832. In tutti i casi, ha osservato il sismologo Francesco Mele, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), è entrato in azione lo stesso meccanismo, per il quale la struttura geologica chiamata Arco calabro viene schiacciata tra la pressione della crosta ionica e quella tirrenica.

“Il terremoto di oggi – ha spiegato – è avvenuto in mare, a circa 23 chilometri a Sud Est di Capo Rizzuto e a 66 chilometri di profondità. Nel 1983 un terremoto di magnitudo 5.4 aveva colpito la stessa area, circa 30 chilometri a Nord Est, e nel 1977 un terremoto di magnitudo 5.1 era avvenuto 30 chilometri a Sud Ovest’’. In passato, nel 1832, un sisma di magnitudo 6.5 era avvenuto nel Crotonese. “In tutti i casi – ha aggiunto il sismologo – ad essere colpita è la stessa fascia lungo la costa ionica della Calabria”.

E’ qui che la struttura chiamata Arco calabro, è schiacciata al di sopra della zona in cui la crosta ionica si piega sotto la Calabria e scende in profondità, al di sotto della crosta tirrenica, ha osservato Mele. “L’Arco calabro – ha sootlineato – è una zona molto complessa e studiata. Si trova infatti al confine tra due mondi molto diversi: da un lato la crosta oceanica più sottile che si trova a Nord della Sicilia e dall’altro la microplacca Adriatica che costituisce la zona più settentrionale della placca africana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, la pista ciclabile durante le partite diventa un parcheggio

prev
Articolo Successivo

Venezia, transito grandi navi riprende con un incidente: ponte passeggeri divelto

next