Il capogruppo al Senato di Forza Italia, Paolo Romani, è stato condannato a un anno e quattro mesi per lo scandalo delle maxi bollette telefoniche. L’accusa, pronunciata dal gup Alfredo De Lillo, è di peculato. L’ex ministro allo Sviluppo economico dell’ultimo governo Berlusconi è finito sotto accusa per un uso troppo “disinvolto” del telefonino che il Comune di Monza gli aveva dato in comodato, per il suo incarico di assessore all’Expo, tra il 2011 e i primi mesi del 2012.

In questo periodo, secondo l’accusa, l’ex ministro aveva accumulato oltre 3mila euro di bolletta. Componendo il numero di Romani rispondeva la figlia, che gentilmente indicava all’interlocutore il numero dove trovare il padre. Il politrico ha anche risarcito i costi delle bollette al Comune di Monza, ma il giudice dell’udienza preliminare non ha riqualificato il reato nell’ipotesi più lieve di peculato d’uso, come chiesto dall’avvocato difensore. “La sentenza è figlia di un’epoca di caccia alle streghe“, ha commentato il legale, Raffaele della Valle, annunciando che “faremo senz’altro appello”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calabria, Scopelliti dopo la condanna si dimette: “Passo indietro”

prev
Articolo Successivo

Reggio Calabria, assolto dal Tribunale di Palmi il consigliere Demetrio Cara

next