Si chiude la vicenda giudiziaria di Ettore Gotti Tedeschi, l’ex presidente dello Ior, finito sotto inchiesta della procura di Roma per omissioni legate alla violazione della normativa antiriciclaggio, quando guidava la banca vaticana. Il gip lo ha archiviato, accogliendo le richieste dei pm Nello Rossi e Stefano Rocco Fava. E il banchiere potrà prendersi qualche rivincita: ha già incaricato i suoi legali, gli avvocati Fabio Palazzo e Stefano Maria Commodo, di prendere iniziative contro i consiglieri dello Ior che lo sfiduciarono il 25 maggio 2012 accusandolo di “comportamenti erratici e sbagliati” e di “incapacità”.

Gotti Tedeschi ritiene che “il decreto di archiviazione crea le premesse per l’accertamento delle reali motivazioni della sfiducia, in particolare (…) i membri del Consiglio dello Ior che, sfiduciandolo, hanno di fatto creato la situazione per il verificarsi di gravi errori e quindi gravi danni alla Santa Sede. Il Cda – secondo Gotti – ha consentito che si mantenessero i cambiamenti, criticati da Moneyval, della legge antiriciclaggio, anche consentendo indirettamente il ridimensionamento dell’Aif, da indipendente a dipendente da Organi della Santa Sede”.

L’inchiesta riguardava movimenti sospetti di 23 milioni che lo Ior aveva depositato presso il Credito Artigiani Valtellinese e da lì trasferiti alla Jp Morgan Frankfurt e alla Banca del Fucino. Per queste vicende rischiano il processo Paolo Cipriani e Massimo Tulli, ex direttore e vice dello Ior. Gotti Tedeschi invece “è stato indagato – scrive il gip – in quanto risultava in astratto abilitato ad operare come ‘legale rappresentante’ sul conto Ior; dalle indagini è emerso che la persona che concretamente aveva ‘operato’ per conto dello Ior era stato Paolo Cipriani”.

Gotti Tedeschi, secondo il gip, “non risulta aver impartito specifiche direttive contrastanti con la normativa antiriciclaggio”. Anzi, la sua attività “è stata orientata a creare una nuova policy nel quadro di misure miranti ad allineare lo stato Vaticano sul versante del contrasto al riciclaggio, ai migliori standard internazionali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riciclaggio, inchiesta Dda Napoli: arrestati nipote di Previti e Dino De Megni

prev
Articolo Successivo

Calabria, Scopelliti dopo la condanna si dimette: “Passo indietro”

next