esseri-umani-cd-cover-frankie-hi-nrg-mcSi chiama Esseri Umani (Materie Prime Circolari, 2014), il nuovo disco, completamente autoprodotto, del cantautore e rapper Frankie hi-nrg mc.

In un’intervista al programma, BrainFood, Frankie ci ha confessato che si tratta di “un album molto autobiografico, ho utilizzato immagini della mia famiglia nel disco. Mi piaceva l’idea di rifinire il concetto dell’Essere Umani“. Una citazione del compianto attivista Vittorio Arrigoni. “La citazione ad Arrigoni è a posteriori e quando mi sono ritrovato a scrivere il ritornello “Cerchiamo di restare umani, cerchiamo di restare qui”, l’ho scritto, mi è piaciuto e dopo un po’ è saltata fuori la citazione”.

Un disco anticipato a Sanremo dai brani: Un uomo è vivo e Pedala. Quest’ultima ha scatenato una polemica per il campionamento di Tenor Saw, anche se permesso dal regolamento del Festival. Il disco dura appena 26 minuti, ma è bello concentrato. Un album in cui il rapper torinese continua a fare “la sua cosa nella casa” con l’originalità e la ricerca che l’ha sempre contraddistinto sia nei suoni che nelle parole. Musica distante anni luce da quella che potremmo definire la scena hip hop nostrana. Altra bellissima canzone del disco è Atteso imprevedibile impreziosita dal sax di Michele Procelli. L’ovvio invece è dedicata alle donne. “Il brano parla di un “femmincidio intellettuale” perpretato da decenni ai danni delle donne. Ho riflettuto sul fatto che alla donna è stata inculcata la convinzione che la realizzazione e la femminilità si raggiungono trasformandosi nell’ideale di donna che il maschio medio ha della donna stessa”.

Infine alla domanda se e chi voterai alle prossime elezioni, Frankie ha risposto: “Se mi impediranno di scegliere chi votare, probabilmente mi comporterò come ho fatto nelle ultime elezioni. Mi recherò al seggio ed annullerò la scheda. Però andateci al seggio, andate ad esprimere la propria scelta, è importante fare sentire il proprio silenzio. Se non ci vai non esisti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Musica: Diego Galeri e la rinascita con gli Adam Carpet

prev
Articolo Successivo

Musica: Liquid, l’esordio elettronico di Interiors

next