L’aula della Camera tornerà ad esaminare la riforma della legge elettorale alle 14.30. L’Italicum subisce, quindi, un altro stop e rischia di fallire di nuovo l’obiettivo di essere licenziato, almeno a Montecitorio, entro oggi. Sono ancora tanti i nodi da sciogliere: primo fra tutti quello sulla parità di genere, sul quale rimangono distanti le posizioni delle forze interne alla maggioranza, quella extra parlamentare, nata dall’accordo tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. Il relatore al testo e presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, Francesco Paolo Sisto (FI), ha infatti chiesto in aula di riconvocare i lavori non prima delle ore 14.00 perché “indispensabile un corposo approfondimento” da parte del governo e della stessa commissione. Ora si dovrà anche riconvocare il comitato dei nove e lì si deciderà il da farsi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italicum aggira la Consulta. La riforma elettorale di Renzusconitano va respinta

next
Articolo Successivo

M5s, senatore Pepe sfiduciato dal Meetup Napoli. Lui: “Blitz di una minoranza”

next