Complice la crisi, i buoni sconto per i farmaci proliferano. C’è da essere felici? No, c’è da tremare: l’industria del farmaco non fa mai niente per niente. Sul sito www.internetdrugcoupons.com ci sono oltre 2500 coupon per acquistare farmaci con riduzioni da 25 a 100 dollari per quelli di marca e da 5 a 15 dollari per i generici. Il 75 per cento dei farmaci in svendita serve per curare malattie croniche (tanto per intenderci: non sono prodotti da banco, come cerotti, burro cacao, creme…). 

In tre mosse il gioco è fatto: entri sul sito della ditta, clicchi sul coupon e stampi. Raro che ti chiedano di registrarti.

E così ecco raddoppiati gli affari. Secondo il rapporto Ims health (multinazionale che fornisce analisi e servizi alle ditte farmaceutiche), in Gran Bretagna nel 2011 grazie ai buoni sconto il consumo di pasticche è aumentato del 50 per cento rispetto all’anno precedente. 

L’Italia non fa eccezione: a gennaio una decina di medicinali erano in promozione al 15 per cento. Trenta parafarmaci invece fino al 45 per cento. E i cento corner salute nei supermercati Coop offrono Buscopan, Buscofen e Muscosolvan a meno 15 per cento, Borocillina a meno dieci per cento. 

Una ricerca di Alliance life sciences dimostra che i buoni sconto favoriscono la costanza del paziente nell’assunzione della pillola. E ci credo! Se è per questo, fidelizzano un cliente e non un paziente. Con il rischio di indurlo a cure fai da te. 

La formula dello sconto è pericolosa quando si parla di farmaci. Sarebbe più intelligente diminuire tutti i prezzi. Così non si crea la mania di accumulo compulsivo. E le famiglie in ginocchio dalla crisi non sarebbero costrette a soffrire più di quelle agiate. La Caritas (nel Rapporto sulla povertà sanitaria e sulla donazione di farmaci presentato a gennaio) denuncia un forte aumento (più 57 per cento) delle richieste di medicinali da parte dei meno abbienti. Una bronchite trascurata si trasforma in polmonite con esiti anche mortali. 

I farmaci al ribasso sono soprattutto griffati. Un trucchetto di Big Pharma per boicottare l’ingresso dei generici sul mercato. Un altro è allungare la vita del brevetto aggiungendo un semplice diuretico alla pastiglia per il mal di testa: ma l’efficacia è la stessa. Così il Moment si chiama anche Brufen: il principio attivo è uguale (ibuprofene), cambia solo il nome. È dagli anni Ottanta che non vengono scoperte nuove molecole. Fate un po’ i conti voi di quanti nuovi farmaci sono spuntati nel frattempo. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bulimici dello shopping

next
Articolo Successivo

Manifesto per una psicoterapia accessibile

next