Con un glaciale passaggio di consegne, veloce e sbrigativo, Enrico Letta e Matteo Renzi hanno archiviato la cerimonia della campanella. I due si sono stretti rapidamente la mano, mentre il suono di una campanella ha sancito il passaggio di consegne tra il vecchio e il nuovo premier. L’incontro avviene dopo che il 13 febbraio scorso, nella direzione del partito democratico, si è consumata la rottura tutta interna al partito tra il segretario e l’ex premier. Da quel giorno Renzi è andato spedito verso la formazione del nuovo esecutivo, mentre Letta, tenendo il profilo basso, ha preferito non commentare né rilasciare dichiarazioni sulle vicenda. Un rapido saluto anche tra il sottosegretario uscente alla presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi, e il nuovo Graziano Delrio  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi ha “commissariato” il governo: non è autorevolezza, ma paura

next
Articolo Successivo

Governo, Menichini (Europa): “Gratteri? Napolitano ha fatto bene a non volerlo”

next