Dopo cinque pessimi anni di centro-destra finalmente la Sardegna ha un nuovo presidente. Francesco Pigliaru fa vincere il centro-sinistra e riporta una speranza per la nostra isola. In questi ultimi anni l’ex Governatore Cappellacci ha portato la Sardegna indietro su tutti i fronti e ha cercato di coprire i vari fallimenti con continui vuoti slogan e solite promesse elettorali.

Non sono serviti i comizi del pregiudicato Berlusconi e non hanno fatto più neanche ridere le sue solite ed imbarazzanti barzellette. I cittadini sardi non si sono fatti fregare nuovamente. Il centro-sinistra è stato in grado di riunirsi e di lavorare insieme per liberare l’isola dal Berlusconismo.

Ora il nuovo Presidente, Francesco Pigliaru, ha un grande onere. Ridare splendore alla nostra isola. Ridargli tutto quelli che in questi anni ha perso.
Ad iniziare da una vera continuità territoriale e da nuove opportunità di lavoro e crescita.

Siamo stati e siamo isolati dal resto del continente. Costretti ad esorbitanti costi per poter raggiungere la penisola e limitati dai pochi aerei e navi a disposizione.
Per non parlare di tutti gli altri settori, dal turismo all’economia dell’isola in generale.

Occorre evitare i tanti sprechi di soldi pubblici e le tante spese clientelari fatte in precedenza. Usare i soldi dei cittadini per esclusivo interesse pubblico.

Per ora il grande dato di queste elezioni rimane la netta vittoria del centro-sinistra, nonostante tutto e tutti.

Non ha avuto successo la candidatura della Murgia. Forse l’errore di fondo è stato il credere di poter intercettare tutti i voti del movimento 5stelle.
La Murgia non è Grillo. E il Movimento della Murgia non è il movimento 5stelle. E i cittadini sardi hanno capito che poter sconfiggere Cappellacci il vero antagonista era Francesco Pigliaru.

E così è stato. Ora si può guardare al futuro con più serenità e ottimismo. La Sardegna ora si, può ritornare a sorridere.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi, perché gli amici della Leopolda non ti seguono?

next
Articolo Successivo

Renzi, la giornata romana del premier incaricato. “Scorta? Non la voglio”

next