Era infastidito dalla musica troppo alta che proveniva dall’auto di un giovane. Per questo un indiano di 57 anni è uscito dalla sua roulotte parcheggiata al Gianicolo di Roma e ha ucciso un ragazzo di 33 anni, colpendolo con un cacciavite. L’omicidio è avvenuto nella notte di domenica in via Garibaldi, nella prestigiosa zona a due passi dal rione di Trastevere.

La vittima, in auto insieme al fratello di 35 anni, si era fermato in strada con l’autoradio accesa, dopo aver trascorso la serata in un locale della zona. Erano convinti – stando a quanto raccontato dal fratello – che la roulotte fosse disabitata. E’ scoppiata una lite con l’indiano che, infastidito dalla musica, è uscito dal mezzo nel quale viveva e ha conficcato il cacciavite (lungo 30 centimetri) nel torace del ragazzo, perforandogli un polmone. Il fratello lo ha subito soccorso e trasportato in ospedale, al Fatebenefratelli, dove è deceduto. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di omicidio colposo. E’ stato trasferito nel carcere di Regina Coeli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napolitano-Renzi: certe volte, leggendo, vengono brutti pensieri

prev
Articolo Successivo

Roberto Saviano: “Uso psicofarmaci. Sono stato impetuoso e ambizioso”

next