Era infastidito dalla musica troppo alta che proveniva dall’auto di un giovane. Per questo un indiano di 57 anni è uscito dalla sua roulotte parcheggiata al Gianicolo di Roma e ha ucciso un ragazzo di 33 anni, colpendolo con un cacciavite. L’omicidio è avvenuto nella notte di domenica in via Garibaldi, nella prestigiosa zona a due passi dal rione di Trastevere.

La vittima, in auto insieme al fratello di 35 anni, si era fermato in strada con l’autoradio accesa, dopo aver trascorso la serata in un locale della zona. Erano convinti – stando a quanto raccontato dal fratello – che la roulotte fosse disabitata. E’ scoppiata una lite con l’indiano che, infastidito dalla musica, è uscito dal mezzo nel quale viveva e ha conficcato il cacciavite (lungo 30 centimetri) nel torace del ragazzo, perforandogli un polmone. Il fratello lo ha subito soccorso e trasportato in ospedale, al Fatebenefratelli, dove è deceduto. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di omicidio colposo. E’ stato trasferito nel carcere di Regina Coeli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napolitano-Renzi: certe volte, leggendo, vengono brutti pensieri

next
Articolo Successivo

Roberto Saviano: “Uso psicofarmaci. Sono stato impetuoso e ambizioso”

next