Stop al “bonus” per i contribuenti che hanno un debito con Equitalia ma, allo stesso tempo, vantano dei crediti con le pubbliche amministrazioni. L’aula della Camera ha approvato un emendamento al decreto legge Destinazione Italia che modifica la norma introdotta dalle commissioni Attività produttive e Finanze di Montecitorio, riducendo all’osso l’efficacia del provvedimento.

Mentre la norma approvata dalle commissioni stabiliva la sospensione, per quest’anno, delle cartelle esattoriali a favore delle imprese titolari di crediti nei confronti dello Stato, la proposta di modifica approvata dalla Camera prevede la possibilità di compensare crediti con debiti, ma vincola l’attuazione della misura alla situazione dei conti pubblici italiani.

L’attuazione della norma sarà inoltre vincolata a un decreto del Mef, di concerto con il ministro dello Sviluppo economico, “da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore” del decreto legge. Le modalità, si precisa, saranno stabilite “nel rispetto degli equilibri di finanza pubblica”. Con il decreto del Mef dovranno essere individuati “gli aventi diritto, nonchè le modalità di trasmissione dei relativi elenchi all’agente della riscossione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chrysler rimborsa il prestito Veba: “Attesi risparmi per 134 milioni annui”

prev
Articolo Successivo

L’agenzia di rating Moody’s: “Fiat è un titolo sempre più speculativo”

next