Stop al “bonus” per i contribuenti che hanno un debito con Equitalia ma, allo stesso tempo, vantano dei crediti con le pubbliche amministrazioni. L’aula della Camera ha approvato un emendamento al decreto legge Destinazione Italia che modifica la norma introdotta dalle commissioni Attività produttive e Finanze di Montecitorio, riducendo all’osso l’efficacia del provvedimento.

Mentre la norma approvata dalle commissioni stabiliva la sospensione, per quest’anno, delle cartelle esattoriali a favore delle imprese titolari di crediti nei confronti dello Stato, la proposta di modifica approvata dalla Camera prevede la possibilità di compensare crediti con debiti, ma vincola l’attuazione della misura alla situazione dei conti pubblici italiani.

L’attuazione della norma sarà inoltre vincolata a un decreto del Mef, di concerto con il ministro dello Sviluppo economico, “da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore” del decreto legge. Le modalità, si precisa, saranno stabilite “nel rispetto degli equilibri di finanza pubblica”. Con il decreto del Mef dovranno essere individuati “gli aventi diritto, nonchè le modalità di trasmissione dei relativi elenchi all’agente della riscossione”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chrysler rimborsa il prestito Veba: “Attesi risparmi per 134 milioni annui”

next
Articolo Successivo

L’agenzia di rating Moody’s: “Fiat è un titolo sempre più speculativo”

next