Totò Riina, il Capo dei Capi, e Alberto Lorusso, suo compagno d’ora d’aria, inveiscono contro la legislazione speciale che prevede il carcere duro, 41bis, per i detenuti facenti parti dell’organizzazione criminale mafiosa

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, mafia: Scarantino secondo Ilda Boccassini

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, ricostruzione: il confronto Cancemi

next