La più grande operazione di rebranding nella storia dell’automobile italiana ha dato i suoi frutti: FCA sarà la sigla con cui la nuova compagnia nata dalla fusione tra Fiat e Chrysler si presenta sulla scena mondiale.
È comprensibile che non ci sia stato abbastanza tempo per un ragionamento di naming più approfondito ma qui la dittatura dell’acronimo ha sferrato un colpo basso.

Oppure la scelta dell’acronimo esprime una precisa strategia di posizionamento che vedrà competere la nostra con altre sigle di fascia alta come ad esempio BMW? Staremo a vedere. Magari funziona.

D’altra parte in Italia, dopo ventanni di bunga bunga, cosa pensate che preferiranno tra BMW e FCA

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio a Piero Busnelli, con lui il design si fece impresa

next
Articolo Successivo

Milano, è tornato l’impegno sociale?

next