Vilipendio nei confronti del capo dello Stato. Con questa accusa la procura di Roma ha aperto un’indagine sul deputato del Movimento 5 Stelle Giorgio Sorial. Il fascicolo è stato aperto sulla base di un esposto del deputato Pd Stella Bianchi presentato dopo che Sorial ha utilizzato l’espressione “boia” nei confronti di Giorgio Napolitano. La frase è stata pronunciata nel corso di una conferenza stampa di presentazione di una lettera da inviare al Capo dello Stato per chiedere che “sia garante delle opposizioni” e lamentare i decreti del governo che, secondo il Movimento 5 Stelle, non ascoltano la posizione dei partiti minori.

Sorial è indagato per “offesa all’onore e al prestigio del Presidente della repubblica“. Reato che prevede una reclusione da uno a cinque anni. La procura dovrà ora chiedere l’autorizzazione a procedere al ministero della Giustizia. Il reato, infatti, rientra tra quelli per cui è necessario il via libera del Guardasigilli. Ad occuparsi del caso sarà il pool reati contro la personalità dello stato coordinato dal procuratore aggiunto Giancarlo CapaldoIntanto il sito dei parlamentari del Movimento 5 Stelle ha aperto il sondaggio per votare quale sia il gesto peggiore compiuto dal capo dello Stato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso M5S-Napolitano, cosa è peggio?

prev
Articolo Successivo

Doppi incarichi, De Luca si difende: “Io contro le lobby. Il problema? Il Pd”

next