Potrebbe finire prima del previsto la missione del modulo lunare cinese Coniglio di Giada. Secondo quanto scrive l’agenzia Nuova Cina, il modulo avrebbe subito un guasto e gli scienziati stanno pensando ad una fine anticipata della missione.

Il Jade Rabbit è atterrato lo scorso 14 dicembre sul suolo lunare con l’intento di restarci tre mesi per effettuare saggi geologici, esperimenti e osservazioni astronomiche. Da qualche giorno, invece, un problema al sistema meccanico di controllo rende impossibile proseguire la missione. I tecnici cinesi stanno lavorando per tentare di risolvere il problema che però pare insormontabile.

Forse anche per preparare i cinesi al termine prematuro della missione, l’agenzia di stampa ha scritto che il modulo lunare ha compiuto la maggior parte degli esperimenti previsti e che ha percorso oltre 100 metri sul suolo lunare (nella foto una immagine del suolo lunare della camera a bordo della sonda, ndr). Non si conoscono i veri problemi del modulo, ma sembra che si siano rotti i motori elettrici che gestiscono i pannelli solari che forniscono energia per il calore e per il movimento. Di conseguenza, ci sarebbero danni all’equipaggiamento a causa delle basse temperature. Durante le notti lunari, che durano circa due settimane, la temperature scende intorno ai meno 180 gradi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Archivi sanitari: dati sensibili a rischio per interesse privato?

prev
Articolo Successivo

Stephen Hawking e i buchi neri: “Non esistono”. Lo studio su Nature

next