Lo spettro del terrorismo alle Olimpiadi di Sochi rischia di allungarsi oltre la Russia, fino all’Italia e all’Ungheria. Mail con minacce terroristiche legate alle Olimpiadi invernali sono arrivate nelle sedi dei comitati Olimpici dei due paesi. La notizia, appresa dall’Ansa, è stata confermata da fonti internazionali.

Il Coni ha ricevuto questa mattina “una mail contenente minacce terroristiche in vista dei Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014“. A quanto ha appreso il Coni, analoga mail è pervenuta al Cio e ad altri Comitati Olimpici. Il Coni ha trasmesso il contenuto della mail alle Autorità preposte alla sicurezza internazionale per il seguito di competenza. Nello stesso tempo il Comitato olimpico nazionale italiano “manifesta fiducia e serenità nelle misure di sicurezza che sono state garantite dagli Organizzatori al Cio, alle Federazioni Internazionali e ai Comitati Olimpici”.

Anche il comitato olimpico austriaco (Oeoc), come quello ungherese e quello italiano, ha ricevuto una email con minacce terroristiche. A Vienna, però, l’allarme è già rientrato. “Si tratta di un fake inviato da un mittente in Israele che è stato attivo inviando minacce per diversi anni”, dice Wolfgang Eichler, portavoce dell’Oeoc, all’agenzia austriaca Apa. “Sono stati effettuati i controlli perchè” il messaggio “è arrivato due giorni fa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Né Vucinic né Guarin all’Inter: nella Milano nerazzurra è farsa internazionale

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Sochi 2014, per i cittadini Usa un decalogo anti-intercettazioni

next