Città di Reggio Calabria (Italia)
Graduatorie di iscrizione alle scuole d’infanzia comunali-anno scolastico 2014-15
Si informa che i bambini con disabilità non potranno essere accolti per l’impossibilità di nominare personale specializzato (insegnanti di sostegno).

Basta collegarsi al sito ufficiale della città di Reggio Calabria per leggere quanto sopra riportato. Bisogna ricordare che Reggio Calabria è un comune sciolto per infiltrazioni della malavita organizzata e commissariato da qualche tempo.

Ma come è possibile che si possa stracciare la nostra Costituzione e gettare nei rifiuti leggi dello Stato e inappellabili sentenze della Corte Costituzionale a tutela dei minori disabili a frequentare la scuola come i loro compagni?

Forse Reggio Calabria gode di leggi a garanzia di una supposta extraterritorialità ?
Forse Reggio Calabria ha deroghe che la riguardano?
Forse Reggio Calabria presenta una legislazione ad personam che sorvola la scuola della Costituzione?

Non credo proprio ma questo regolamento fa il paio con quello che, anni fa, i leghisti proposero in Parlamento per  l’istituzione di classi differenziali per i figli dei migranti. Allora , per giustificarsi, parlarono di “discriminazione transitoria progressiva “.

Oggi nemmeno una parola, solo un regolamento.

Ministro Carrozza se ci sei batti un colpo! O sparisca insieme alla vergogna ed alla indignazione dei genitori dei bambini disabili.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili: il Registro, il Vaticano e la ‘miopia’ politica

next
Articolo Successivo

Uganda, il presidente non firma legge anti gay approvata dal Parlamento: ‘È fascista’

next