Un giorno di tempo per rispondere al sondaggio e proporre il nome di un ministro da eliminare del governo Letta: a vincere il quiz “Caccia il ministro” proposto dal blog di Grillo è stata Annamaria Cancellieri. Delle 35mila risposte arrivate, il 26% caccerebbe il ministro della Giustizia, per l’affare Ligresti e le telefonate tra la titolare del dicastero e i fratelli della famiglia siciliana. “Il Movimento 5 Stelle chiese e fece votare la sfiducia, ma il Pd la salvò”, scrive il comico genovese sul suo blog, dove aveva chiesto ai militanti di indicare “quale ministro deve andare a casa”. Al secondo posto con il 12% Angelino Alfano, ministro degli Interni, “per la pessima gestione del caso Shalabayeva – aggiunge il leader del M5S – Anche per lui il M5S presentò una mozione di sfiducia e puntualmente Alfano fu salvato dal Pd”.

Con il 10% segue Mario Mauro, ministro della Difesa, “per l’acquisto degli F35 e la guerra in Afghanistan”. Il 9% caccerebbe Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture, “per i 20 miliardi della Tav in Val di Susa”. Stessa percentuale per Nunzia De Girolamo, ministro dell’Agricoltura, per le intercettazioni sulla sanità in Campania: “Il M5S ha presentato una mozione di sfiducia nei suoi confronti”. Il 4% ha indicato Flavio Zanonato, ministro dello Sviluppo Economico, “per la svendita di Telecom Italia” e il 3% Emma Bonino, ministro degli Esteri, “per le armi chimiche siriane a Gioia Tauro”. Il 23% ha scelto la risposta aperta, di questi la stragrande maggioranza vorrebbe cacciarli tutti. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stronzi, narcisi e imprevedibili: i giudici dei talent show rottamano i presentatori

next
Articolo Successivo

Siae, guida pratica all’esenzione

next