“Bambini, la vostra Barbie è troppo grassa e nessuna dieta la può aiutare? Nessun problema, nella nostra clinica potete curarla con la liposuzione, un paio di tagli nel posto giusto, e la ritroverete di nuovo magra e bellissima”. Questa la descrizione con cui Corinna Games presenta la sua nuova app ‘Plastic surgery & plastic doctor & plastic hospital office for Barbie version’ disponibile da inizio anno su iTunes per bambini dai nove anni in su. Una app che sta facendo infuriare moltissime persone e organizzazioni che sui social media si sono scagliate contro gli sviluppatori e contro la multinazionale Apple per averla messa in vendita.

“E’ una cosa disgustosa, non posso credere che vogliano propinare queste schifezze ai nostri bambini” ha scritto un utente, dopo che l’associazione contro le discriminazioni Everyday sexism ha postato sul suo profilo Twitter la descrizione di questa specie di allegro chirurgo plastico destinato ai più piccoli. L’età minima di nove anni per poterla acquistare non è infatti volta a proteggere i più piccoli dall’idea che se una donna è grassa si deve curare, ma dovuta per legge in quanto i tagli per la liposuzione producono “una minima percentuale di realistica violenza”.

Moltissime le proteste. In uno dei tweet più diffusi si leggeva: “Questa app è atroce e andrebbe subito rimossa. Che tipo di messaggio si vuole passare alle bambine?”. E benché tutti i messaggi fossero espressamente rivolti all’azienda, la multinazionale di Cupertino ha preferito non rispondere, né sui social network né direttamente alle associazioni di tutela dei minori come Parentdish che le si sono rivolte.

Ma non è finita qui, perché mentre la polemica divampava sui social network, un utente si è accorto che una app molto simile a quella di Apple era disponibile anche su Google. Si chiama ‘Chirurgia plastica’, è stata sviluppata da Natalya Staritsyna ed è acquistabile sul Google Play store. La sua brochure, altrettanto diretta e senza fronzoli rispetto a quella disponibile su Apple, recita: “A Barbara piace mangiare un sacco di hamburger e di cioccolata, e si è resa conto di essere diventata brutta. Ora non può resistere in questa situazione un minuto di più. Per fortuna oggi la chirurgia plastica può intervenire sul suo viso e sul suo corpo per farla ritornare bella”.

Questa app di Google, che invece non ha limiti di età, è stata già scaricata da quasi un milione di persone. E un portavoce dell’azienda creata da Larry Page e Sergey Brin ha dichiarato laconicamente: “Non possiamo commentare nulla sulle singole app in vendita, solo eliminare quelle che violano il nostro regolamento”. La app, ovviamente, è ancora lì, per la felicità dei bambini di tutte le età che possono imparare che il corpo di una donna è brutto se grasso e che solo una bella operazione di chirurgia estetica porti la felicità.

twitter: @ellepuntopi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cognome dei figli, ecco il ddl del governo: “Possibile dare solo quello della madre”

prev
Articolo Successivo

Calendario delle studentesse 2014, dodici scatti sexy sul coraggio delle donne

next