Matteo Renzi e Denis Verdini “credo si siano sentiti per telefono”. Così Maria Elena Boschi, responsabile Riforme del Pd, a In Mezz’ora su Raitre. Boschi spiega che Verdini ha parlato con diversi esponenti del Pd ma aggiunge che con Renzi “non ci sono stati incontri” di persona. Quanto a Silvio Berlusconi, conferma la deputata conferma la disponibilità del sindaco di Firenze a incontrarlo. “Ho già incontrato tutti i partiti politici e adesso dobbiamo aspettare le risposte ufficiali. Ci dicano quale li convince di più. Ora ulteriori incontri sarebbero solo liturgie del passato”. Il confronto spiega poi l’esponente Pd è aperto anche con il Movimento 5 Stelle, con il quale il dialogo è più difficile però: “Una parte è ferma nel rifiuto a qualsiasi dialogo e una parte invece si sta iniziando a muovere verso il mattarellum corretto“.

Tra i temi affrontati durante l’intervista, anche l’intenzione del Cavaliere di ricandidarsi per le elezioni europee. “Non abbiamo paura di Berlusconi”, ha detto, “abbiamo sempre affermato che ci avrebbe fatto piacere batterlo nelle urne. Ma non ci sono dubbi sulla sua incandidabilità“. Boschi difende la legittimità del dialogo con Berlusconi sulle riforme, ma segna la distanza da lui: “Proveniamo da programmi e idee molto diverse. Renzi l’ha detto in più di un’occasione. Non l’ho mai votato”.

La responsabile riforme del Partito democratico respinge inoltre l’ipotesi rimpasto di governo: “Non è all’ordine del giorno”, ha detto. “E’ una scelta di Letta e del presidente della Repubblica. Ma il segretario del Pd è stato netto: non chiediamo nuove poltrone, posti, proponiamo idee e programmi”. Quella del ministro Delrio sul rimpasto da affrontare se ci sarà un’agenda nuova, “è un’opinione personale, che rispetto. Ma lui è il primo a dire che le persone sono al servizio delle idee”, afferma Boschi. “Non so cosa farà Letta – aggiunge – credo sia compito del Pd in questo momento non destabilizzare il governo parlando di crisi, posti, poltrone”. La nuova segreteria del Pd, spiega Boschi, non vuole fare passare la logica per cui chi vince “passa all’incasso. Siamo concentrati su quello che c’è da fare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alfano: “il Jobs Act di Renzi? è un’idea del ‘900. Pd sia più coraggioso”

prev
Articolo Successivo

L’Aquila, sisma e tangenti. M5S e Sel: “Bisogna far partire la commissione d’inchiesta”

next