“Non lasciamo solo Luciano Bruno e la drammatica realtà di Librino..”, questo l’appello che Riccardo Orioles, coraggioso direttore de “I Siciliani” e storico collaboratore di Pippo Fava, ha rivolto a tutti noi attraverso il suo blog su il Fatto Quotidiano.

Le sue parole non possono essere lasciate cadere, perché quello che è accaduto è straordinariamente grave: Luciano Bruno, artista e giornalista antimafia, mentre stava fotografando la realtà di Librino, un quartiere quanto meno difficile, è stato accerchiato, minacciato, pestato. Tanto per gradire gli aggressori hanno promesso di ritornare e hanno fatto capire di essere ben informati sulla vita dei suoi familiari.

L’aggressione, sarà pure una casualità, è arrivata appena qualche giorno dopo le iniziative per ricordare i 30 anni dall’assassinio di Pippo Fava. Per tutte queste ragioni non solo ci sembra giusto raccogliere l’appello di Riccardo Orioles, ma anche invitare tutti i media ad accendere i riflettori su Luciano Bruno e sulla realtà di Librina, in modo tale da non lasciare solo chi ha scelto di “contrastare” e non di “contrattare” con la mafia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rcs ‘utilizza’ La Gazzetta dello Sport per guadagnare con le scommesse sportive

prev
Articolo Successivo

Caso De Girolamo, di fronte allo scandalo non basta un giornale

next