Sono soltanto addolorato perché non si può fare un uso privatistico, privato e padronale del mezzo televisivo. Vespa ha fatto questo”. Sono le amare parole di Pippo Baudo, intervistato da Giovanni Minoli per “Mix24”, su Radio24. Il conduttore commenta con dispiacere il mancato invito allo speciale di “Porta a Porta”, il talk show di Bruno Vespa su Rai Uno, dedicato ai 60 anni della Rai. “Non so com’è andata” – spiega – “so che non sono stato chiamato. La trasmissione non l’ho vista, mi hanno detto che ero un pannello messo in un angolo come se fossi uno scomparso“. E rivela con rammarico: “Onestamente sto vivendo un momento molto difficile e complicato, dal punto di vista psicologico, per via del trattamento che ho subito perché non mi sento vecchio, non mi sento superato, mi sento ignorato, mi sento cancellato addirittura da quello che ho fatto per 54 anni ai vertici. E poi” – aggiunge – “io penso di avere fatto una buona televisione, e dei grandi spettacoli in cui si tentava di fare il famoso nazional-popolare in cui c’era cultura e nello stesso tempo c’era spettacolo”  di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sessant’anni Rai: la rinuncia alla riflessione sul servizio pubblico

next
Articolo Successivo

Libero, “nomi evocativi per collaboratori Kyenge: Carbone, Marrone e Negro”

next